Rai3: a 'Tgr Mediterraneo' il Libano

Roma, 12 gen. - (Adnkronos) - In Libano crolla l'economia, il turismo si riduce a causa della situazione politica e della crisi economica in Europa, la guerra civile in Siria crea problemi di accoglienza dei profughi. All'inizio le banche libanesi facevano grandi affari accogliendo i capitali in fuga dai paesi della ''primavera araba'', ma l'instabilita' interna sta mettendo in ginocchio la ''Svizzera'' del Medio Oriente. Come uscirne? Probabilmente con nuovi leader che possano riportare serenita' e futuro. Uno di questi l'ha incontrato per il reportage di apertura «Mediterraneo», il settimanale della TGR , realizzato a Palermo in coproduzione con Rai - France 3, con la collaborazione di altre televisioni estere, in onda domani, alle 11.05, su Rai3.

Da una crisi all'altra. Il magazine si sposta in Grecia dove l'opinione pubblica sta reagendo a un'affermazione che rimbalza dai palazzi europei: ''anziche' lamentarsi della crisi, i greci dovrebbero cominciare a pagare le tasse''. Pesanti accuse che stanno sollevando un vespaio in tutto il Paese. ''In Grecia le tasse vengono detratte alla fonte'', rispondono i cittadini alle accuse. Il servizio cerchera' di capire chi ha ragione in un paese che sta subendo pesantissime restrizioni. Infine in Italia, a Librino, periferia di Catania. Nei progetti dell'architetto giapponese Kenzo Tange doveva essere un quartiere satellite, con strade e giardini, perfettamente collegato alla citta'. Invece e' diventato una periferia degradata. Ora qualcosa si sta muovendo, grazie anche alla scuola locale e alla Fondazione Fiumara d'Arte che per la rinascita punta sui giovani. Conduce Lucilla Alcamisi dai Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo.