The Winner is: Gerry Scotti crede che il suo nuovo programma sarà meglio di X Factor e Amici

Gerry ScottiGerry-ScottiDa sabato 17 novembre Gerry Scotti torna in prima serata su Canale 5 con un programma interamente dedicato alla musica: in ogni puntata di "The Winner is...", il nuovo talent ideato da John De Mol, otto cantanti si sfideranno in diretta e, a esibizione finita, prima ancora della valutazione dei giudici, dovranno decidere se accontentarsi di un premio in denaro e ritirarsi dalla competizione, o rifiutare e procedere puntando alla vittoria.

Ad affiancare il Gerry nazionale ci sarà Rudy Zerbi, che capitanerà una giuria composta da 101 esperti e appassionati di musica. Un format a metà strada tra il talent, il game show e il reality, che oltre a mettere in mostra il talento dei cantanti, ne racconta la vita quotidiana e li mette alla prova contrapponendo il denaro ai sogni di gloria.

I concorrenti si affronteranno in sfide dirette, al termine delle quali saranno chiamati a giudicare l'avversario, oltre che a decidere del proprio futuro. A fine serata verrà eletto un vincitore, che avrà la possibilità di incidere un singolo con la Universal Music disponibile su I-Tunes dalla mezzanotte dello stesso giorno. Al vincitore finale, andranno invece 150mila euro.

Una nuova sfida, dunque, quella in cui dovrà cimentarsi Gerry Scotti, soprattutto tenendo conto del fatto che l'inedito programma raccoglierà lo scettro di 'C'è posta per te', eredità che non sembra spaventare il conduttore: le sue dichiarazioni in proposito, pubblicate sull'ultimo numero di Visto, dimostrano infatti che ha idee ben precise sui talent in circolazione.

"Per X Factor si parla di 500mila spettatori a puntata — ha detto Scotti del programma dal 2011 in onda su Sky — Carlo Conti, con gli ascolti che fa, dovrebbe stappare lo champagne tutte le sere. Quando c'è stata la prima edizione sulla Rai, allora sì che si poteva parlare di programma di successo". "Ho seguito solo la prima edizione — continua il conduttore — quella con Giusy Ferreri, ma non condivido l'eccesso di costruzione intorno ai cantanti, dalle coreografie complicatissime ai look esasperati. Se il talento c'è, basta e avanza".

Giudizio meno severo, invece, per la creatura dell'amica Maria De Filippi: "'Amiciè una cosa un po' a sé. E' una vera e propria scuola dove i ragazzi imparano a cantare e a ballare ,e ha un suo target di ascolto molto preciso, che è quello dei giovanissimi. Il rischio, come in tutti i programmi dove esiste, è che la gente da casa non voti il più bravo ma il più carino o quello che fa più simpatia. Rischio che non si corre a 'The Winner is...', dove solo la giuria è incaricata di dare un giudizio sui cantanti e decidere del loro destino. Un programma che punta ad aiutare davvero i concorrenti, dove fortuna o bellezza c'entrano poco ma viene valutato soltanto il talento: "A "The Winner is...' si offre la possibilità di realizzare davvero dei piccoli sogni — conclude Gerry - n questo caso, più concreto del denaro non c'è nulla. Quello che promettono gli altri talent e magari poi non mantengono francamente non è un problema mio.

Valeria Marini sexy a SharmValeria Marini 2.0. Ecco infatti le foto che la showgirl italiana ha postato sul suo profilo Twitter.

Da non perdere su tv!