Le tre rose di Eva: la seconda stagione a settembre 2013, le anticipazioni

Francesco ArcaPartita tra lo scetticismo generale, la soap di Canale5 "Le tre rose di Eva" ha conquistato sempre più il pubblico della prima serata e, ad una puntata dall'epilogo, viaggia su una media di circa 5 milioni di spettatori. Sono piaciute le storie di amori, intrighi, passioni e giallo che hanno come protagonisti Anna Safroncik (Aurora) e Roberto Farnesi (Alessandro). E già è ufficiale la seconda serie che, come ha rivelato Francesco Arca in una intervista a Davidemaggio.it, a febbraio vedrà aperto il set. Intanto, però, i nodi principali della storia devono venire ancora al pettine, e ciò avverrà nell'ultimo episodio in programma mercoledì 20 giugno. La domanda dalla quale tutti gli affezionati della soap attendono la risposta è: chi ha ucciso Luca Monforte?

Tv: ascolti Mediaset, 'Le tre rose di Eva' vince prima serata

Aurora e Alessandro sono vicini a questa e ad altre verità, sulle tragiche vicende dei delitti di Villalba. Edoardo (Luca Capuano), sempre in bilico tra bene e male, ha ancora paura per la propria vita e cerca di allearsi con l'odiato fratello Alessandro: gli lascerà campo libero con Aurora ma in cambio vuole tutta l'azienda dei Monforte. Una lotta in famiglia che non si placa ma che fa sempre maggiormente aprire gli occhi ad Alessandro. Intanto, il cattivissimo di turno, Ruggero Camerana (Luca Ward) con un colpo di teatro tenta di mettere in difficoltà i suoi nemici. Problemi anche tra Bruno (Francesco Arca) e Tessa (Giorgia Wurth): il loro amore è a serio rischio a causa della madre di Clelia. Ingredienti sicuri per una finale da grande share, magari anche con qualche porta aperta per il sequel.

Luca Ward, le foto

"Nessuno si aspettava un successo così - ha detto Arca - Recentemente sono stato a Mediaset e ho firmato per la seconda serie, che andrà in onda a settembre 2013". Gli sceneggiatori sono già al lavoro per costruire una trama ancora più avvicente, con nuove storie e nuovi personaggi, anche se i ruoli principali dovrebbero essere tutti confermati, a meno di qualche "decesso illustre", l'ennesimo, nel gran finale. I dirigenti Mediaset, intanto, gongolano perchè hanno trovato un prodotto seriale tutto italiano, e fatto in casa, che proprio in coda di stagione ha risollevato almeno in parte un anno fallimentare per la fiction del Biscione.

Leggi gli altri articoli di Yahoo! TV

Credits: Getty Images