‘Il boss delle cerimonie’, rabbia dei napoletani per lo show di Real Time: “E’ offensivo”

Il boss delle cerimonie - foto FacebookIl boss delle cerimonie - foto FacebookE' polemica in rete per la messa in onda su Real Time di 'Il boss delle cerimonie', nuovo format che segue il business di Antonio Polese e della sua famiglia, proprietari di un albergo di lusso a Napoli famoso per i ricevimenti di nozze, che nelle intenzione degli organizzatori dovrebbero esprimere il vero spirito partenopeo.

"I matrimoni in stile napoletano, con le colombe, i fuochi d'artificio, la serenata alla sposa alla vigilia delle nozze, i banchetti pantagruelici, i concerti... C'è questo e molto altro nel nuovo docu-reality in onda da venerdì 10 gennaio su Real Time", è la descrizione presente sul sito ufficiale del programma; peccato che i napoletani, dopo la messa in onda della prima puntata, siano insorti contro lo show, offesi per il modo in cui vengono rappresentati, e abbiamo creato decine di gruppi e petizioni che inneggiano alla cancellazione: "Da vicepresidente della Municipalità 2 del comune di Napoli, mi vergogno per quello che state trasmettendo sui matrimoni qui in Campania", ha scritto Federico Arienzo creando su Facebook il gruppo "Chiediamo la chiusura del programma 'Il boss delle cerimonie'", che a oggi conta oltre 6mila iscritti, e aggiungendo che "mi dissocio da quanto viene raccontato come fenomeno comune, trattandosi di squallide rappresentazioni che indignano la stragrande maggioranza di un popolo che non merita di essere così raccontato". Il passo successivo è stato quello di creare l'hashtag #raccontala, da sfruttare su Twitter ogni venerdì nel corso della messa in onda dello show per boicottarlo attraverso i racconti di chi Napoli la conosce e la vive ogni giorno: "Racconteremo tutto quello ciò di bello c'è in questa città".

'Guardaroba perfetto Kids & Teen', petizione online contro lo show di Real Time

Real Time, dal canto suo, ha cercato di arginare la valanga di commenti indignati rispondendo alle critiche con un lungo post su Facebook: "Con 'Il boss delle cerimonie' abbiamo voluto raccontare la realtà particolare, e quindi assolutamente non esaustiva, di alcuni matrimoni napoletani attraverso dei protagonisti reali. Il mondo dei matrimoni è già parte del DNA del canale, e il family business dei Polese ci è sembrata un'opportunità per raccontare un altro aspetto di questa tradizione. Ci dispiace se alcuni utenti si sono sentiti offesi da questo docu-reality, cerchiamo di ascoltare tutti i vostri pareri, per fornirvi un intrattenimento di qualità sempre più alta", è la conclusione, che non è riuscita però a calmare gli animi di decine di napoletani furiosi a causa dell'immagine trasmessa "non soltanto in Italia, ma anche all'estero".

Nonostante la polemica, al momento lo show rimane in programmazione su Real Time, e la seconda puntata andrà quindi in onda come previsto venerdì 17 gennaio alle 23, mentre i sempre più numerosi detrattori si preparano a dare battaglia sui social network.

Leggi tutti gli altri articoli di Yahoo! TV

Da non perdere su tv!